Piano di Gestione Rischio Alluvioni

La Direttiva Europea 2007/60/CE, recepita nel diritto italiano con D.Lgs. 49/2010, ha dato avvio ad una nuova fase della politica nazionale per la gestione del rischio di alluvioni, che il Piano di gestione del rischio di alluvioni (PGRA) deve attuare.
Scopo principale del PGRA è la riduzione delle potenziali conseguenze negative su:
• salute umana;
• attività economiche;
• ambiente;
• patrimonio culturale.
A tal fine il PGRA, introdotto dalla Direttiva per ogni distretto idrografico, orienta la sua azione sulle aree a rischio più significativo, organizzate e gerarchizzate rispetto all’insieme di tutte le aree a rischio e definisce gli obiettivi di sicurezza e le priorità di intervento a scala distrettuale, in modo concertato fra tutte le Amministrazioni e gli Enti gestori, con la partecipazione dei portatori di interesse e il coinvolgimento del pubblico in generale.
In considerazione della data di ultimazione e pubblicazione del PGRA fissata dalla Direttiva europea 2007/60 per il 22 dicembre 2015, sono state sviluppate – coerentemente all’ordinamento nazionale (art. 66, comma 7, D.Lgs.152/06) – le diverse fasi della procedura di adozione e approvazione del PGRA di seguito riportate: